Piano annuale attività

Il gruppo educativo del Nido organizza le proprie attività annuali avendo a riferimento tre macro scansioni temporali, tre fasi, che vengono caratterizzate ciascuna da una modalità progettuale e da un generale scopo dell’intervento, così come specificato di seguito:

1) FASE INIZIALE (Settembre/Dicembre):
Questo periodo è molto delicato e l’attenzione è focalizzata sull’accoglienza: accogliere i bambini nuovi iscritti ma anche dedicarsi a chi torna dopo la pausa estiva e ha la necessità di ambientarsi nuovamente. Si lavora in piccoli gruppi per facilitare l’accettazione della nuova esperienza e per permettere alle educatrici di osservare e rispondere alle esigenze di ognuno, valutare la buona riuscita dell’inserimento, da un lato, e dall’altro, osservare le evoluzioni, le regressioni e i cambiamenti avvenuti durante il periodo estivo per chi già frequentava.

2) FASE INTERMEDIA (Gennaio/Maggio): In questa fase, dopo aver consolidato gli ambientamenti, diventa importante sollecitare e sviluppare le competenze e le conoscenze del bambino, sulla scorta delle osservazioni pregresse; occorre accrescere la disponibilità di ogni alunno alle esperienze di apprendimento, allo sperimentare, al nuovo. Vengono realizzati “progetti didattici” e attività finalizzate allo sviluppo armonico del bambino, tenendo conto delle sue fasi evolutive. Inoltre i bambini grandi del Nido inizieranno il Progetto di Integrazione con i bambini della Scuola dell’Infanzia secondo un progetto pensato ed elaborato dalle educatrici ed insegnanti.

3) FASE FINALE (Giugno/Luglio): E’ il periodo in cui l’intervento è orientato prevalentemente a “raccogliere quanto seminato”, alla verifica della programmazione. Proseguiranno le attività del periodo precedente calibrate allo sviluppo raggiunto dai bambini, con particolare attenzione agli aspetti che presentino eventuali difficoltà.

La nostra giornata educativa:

La giornata educativa sarà scandita da momenti ritualizzati, seppur in maniera flessibile e con la costante attenzione ad evitare rigidità, al fine di stabilizzare le fasi della giornata e mettere il bambino in grado di riconoscere gesti e proposte, dandogli la possibilità di crearsi delle aspettative e comporre le basi del senso di fiducia e di autostima del bambino. La giornata sarà scandita come segue:

  • 7.30 – 9.00: L’accoglienza dei bambini viene fatta con attenzione alle modalità individuali e nel rispetto delle abitudini familiari.
  • 9.00 – 10.30: Attività strutturata in piccolo gruppo per lattanti e semi divezzi (Travasi, angolo della lettura, attività manipolativa e creativa). Attività strutturata in grande gruppo (gioco simbolico, incastri) e attività educativa individuale (Tematiche e libro di supporto) per i divezzi, Attività all’aperto in giardino.
  • 10.30 – 11.00: Gioco libero.
  • 11.00 – 11.30: Cambio del pannolino e igiene personale.
  • 11.30 – 12.30: Pranzo.
  • 12.30 – 13.00: I bambini vengono accompagnati di nuovo in bagno per lavare le mani, il viso e i denti; vengono, poi, introdotti gradualmente nella dimensione del riposo con ascolto della musica. Ricongiungimento per i bambini che frequentano il part time.
  • 15.00 – 15.30: Risveglio. Cambio pannolino. Merenda.
  • 15.30 – 16.30: Canzoni. Circle time. Gioco libero. Ricongiungimento per chi frequenta fino alle 16.30.
  • 16.30 – 18.00: Gioco simbolico negli angoli strutturati. Lettura di una storia. Ricongiungimento.

La settimana sarà scandita da diverse attività inserite nella programmazione: Laboratorio di lingua inglese, Atelier grafico pittorico, Atelier di cucina, Atelier teatrale, Atelier alla Musica, al suono e al ritmo, Atelier di riciclo, Attività di manipolazione, Laboratorio sulla Scatola Azzurra, Laboratorio del “Gioco euristico”, Il cestino dei tesori, Laboratorio dell’Orto didattico, Laboratorio dei Travasi, Laboratorio di psicomotricità.

Le attività educative in lingua inglese, sono previste per almeno due volte la settimana, la psicomotricità una volta a settimana e con la stessa cadenza l’attività di approccio alla musica.

Commenti chiusi